Sindrome da congestione pelvica: sintomi, diagnosi e trattamento

Autore: Top Doctors®
Pubblicato: | Aggiornato: 30/11/2018
Editor: Top Doctors®

La sindrome della congestione pelvica è causata da vene varicose nell'addome inferiore femminile, come le ovaie e l'utero, il che significa che le vene in queste aree sono gonfie e incapaci di recuperare la dimensione e la lunghezza originali dopo la gravidanza.

Che cosa è la sindrome della congestione pelvica?

La sindrome della congestione pelvica (PCS) può causare problemi di fertilità e difficoltà nelle donne che hanno avuto due o più gravidanze. Questa condizione del bacino può anche essere la causa dello sviluppo di insufficienza venosa negli arti inferiori con vene varicose del perineo che causano dolore, gonfiore, pesantezza e tutti gli altri disturbi legati all'insufficienza venosa superficiale. Ciò è dovuto al fatto che esiste una connessione diretta tra i plexi venosi uterini e la rete superficiale delle gambe. Questo è il motivo per cui in molti casi si sviluppano vene varicose, specialmente sul lato interno o posteriore delle cosce o del vitello.

 

Sintomi della sindrome della congestione pelvica:

I sintomi della sindrome della congestione pelvica possono variare da persona a persona. Loro includono:

 

  • Sconforto
  • Periodi irregolari e dolorosi
  • Emorroidi
  • Vene varicose vaginali
  • Vite varicose atipiche nelle gambe
  • Mal di schiena lombare
  • Dolore pelvico cronico e dolore pesante
  • Dolore post-coitale

 

Diagnosi delle vene varicose nel bacino:

Inizialmente può essere eseguito un ultrasuono addominale o laparoscopia in questa zona per cercare dilatazioni varicose ma per effettuare una diagnosi accurata bisogna effettuare una MRI. Questo test permetterà allo specialista di vedere il numero esatto, la dimensione e la distribuzione delle varici nell'utero e nelle ovaie.

 

Trattamento della sindrome della congestione pelvica:

Ci sono diversi trattamenti di sindrome pelvica di congestione disponibili:

 

  1. Le opzioni di trattamento precoce della sindrome da congestione pelvica includono farmaci antinfiammatori
  2. Terapie alternative come l'agopuntura e la terapia fisica possono anche trattare la sindrome della congestione pelvica
  3. Embolizzazione vaginale pelvica percutanea transcatettere - questa procedura non chirurgica avviene in una stanza radiologica (non una sala operatoria), introducendo un catetere (un sottile tubo) ad una vena all'inguine che blocca tutte le vene e le varici dall'interno dell'utero e Ovaie da entrambi i lati. Un radiologo inietta piccole bobine e una soluzione di indurimento nella vena per assicurarsi che si rompichi e si chiude definitivamente. Con questa tecnica il flusso che i vasi sanguigni è sostenuto e gli organi sono sollevati dalla pressione che provoca il flusso. I sintomi scompaiono e nuove varici possono svilupparsi.

I pazienti riferiscono che il trattamento delle vene varicose nel bacino con cateteri venosi migliora i sintomi nel 92% dei casi e segnalano un tasso di successo dell'80% nella riduzione del dolore.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione
 Topdoctors

Topdoctors
Ginecologia e Ostetricia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione


Utilizziamo cookies propri e di terzi per offrire una miglior esperienza e un miglior servizio. Utilizzando questo sito ne accetta l'uso. Continuare Politica dei cookies