Dieci cose che dovreste sapere sulla malattia infiammatoria intestinale (IBD)

Autore: Dr Adam Haycock
Pubblicato: | Aggiornato: 29/11/2019
Editor: Bronwen Griffiths

Malattia infiammatoria intestinale (IBD) è un termine che si riferisce a due condizioni che coinvolgono l'infiammazione dell'intestino - Colite ulcerosa (UC) e morbo di Crohn. Entrambe sono condizioni a lungo termine che richiedono cure e attenzioni costanti. Il dott. Adam Haycock , un esperto gastroenterologo ci guida attraverso i suoi dieci migliori dati per comprendere l'IBD.

 

1. Avere una storia familiare di IBD aumenta anche il rischio di soffrire di IBD.

Per le persone con una storia familiare di IBD, c'è anche un rischio aumentato di 10 volte di IBD. Per le persone con un fratello che soffre di IBD, c'è un rischio aumentato di 30 volte, che è più importante per la malattia di Crohn rispetto alla colite ulcerosa. Pertanto, se sospetti di soffrire di IBD, è utile esaminare la storia della tua famiglia per verificare se anche alcuni parenti hanno sofferto di IBD.

2. Il fumo colpisce in modo diverso la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

È importante rendersi conto che il fumo ha effetti diversi sul morbo di Crohn e sulla colite ulcerosa. Le persone che fumano hanno maggiori probabilità di sviluppare la malattia di Crohn rispetto ai non fumatori, ma hanno meno probabilità di sviluppare la colite ulcerosa. La ragione di ciò è ancora poco conosciuta. Il miglior consiglio è di non fumare!

3. IBD non è la stessa sindrome dell'intestino irritabile (IBS).

Distinguere l'IBD dall'IBS può essere difficile in certi casi, in particolare per il morbo di Crohn, perché spesso i sintomi non sono specifici e simili. Tuttavia, IBS differisce da IBD in quanto nessun danno fisico all'intestino è causato da IBS. Pertanto, fare la diagnosi corretta è importante. Un buon test di screening consiste nel determinare i livelli di calprotectina fecale (FC) nei campioni di feci. La FC è una proteina rilasciata dai globuli bianchi presenti nelle aree infiammate dell'intestino nei pazienti affetti da IBD. Pertanto, un FC positivo può essere un buon predittore per IBD, mentre un FC negativo rende l'IBS molto più probabile.

4. Quando viene diagnosticata, è importante escludere prima l'infezione.

Escludere l'infezione nei pazienti affetti da infiammazione intestinale è importante perché può aiutare a determinare il miglior trattamento da seguire. Inoltre, testare campioni di feci in pazienti con IBD noti è fondamentale, in quanto l'eliminazione delle infezioni può aiutare a guidare le opzioni di trattamento.  

5. La gestione di successo di IBD deve essere multidisciplinare.

Il trattamento di IBD non dovrebbe coinvolgere solo un singolo specialista o un medico di base, ma dovrebbe includere una gamma di professionisti sanitari. Ad esempio, la maggior parte degli ospedali avrà un infermiere IBD dedicato che può essere contattato per consigli, supporto o per fissare appuntamenti rapidi con uno specialista. Se si soffre di IBD è importante mantenere la remissione, rispondere rapidamente a eventuali ricadute o riacutizzazioni e ottenere consigli laddove necessario.

6. Aminosalicilati (5-ASA) possono prevenire le recidive e trattare le riacutizzazioni nella colite ulcerosa.

5-ASA sono un gruppo di farmaci che aiutano a ridurre l'infiammazione nella colite ulcerosa. Possono essere prescritti per ridurre il rischio di recidiva e per trattare una riacutizzazione da lieve a moderata ad un dosaggio più elevato.

7. Gli aminosalicilati (5-ASA) sono meno efficaci nel trattamento del morbo di Crohn.

5-ASA non sono così efficaci nel trattamento della malattia di Crohn, e invece gli antibiotici o gli steroidi sono generalmente raccomandati per trattare le riacutizzazioni e i farmaci immunosoppressori per mantenere la remissione.

8. L'autogestione è la chiave per il trattamento di IBD.

I pazienti che sono addestrati all'autogestione della loro IBD avranno un trattamento più rapido, meno visite ospedaliere, ridotte consultazioni GP e saranno più soddisfatti delle cure che ricevono. Per raggiungere questo obiettivo, è importante che le persone con IBD siano istruite sulla loro condizione e sappiano che cosa cercare e chi contattare quando è necessaria assistenza.

9. La chirurgia non deve sempre essere considerata l'ultima risorsa per il trattamento dell'IBD.

Per coloro che soffrono di colite ulcerosa, a volte la chirurgia è la migliore linea d'azione, in particolare se i loro sintomi sono acuti e in corso o sono resistenti ad altre opzioni di trattamento. La chirurgia può anche essere richiesta per trattare le complicanze della malattia di Crohn quando le terapie mediche hanno fallito. È importante che i pazienti affetti da IBD sappiano che l'intervento chirurgico potrebbe essere un'opzione.

10. Avere un IBD che colpisce il colon aumenta il rischio di cancro intestinale.

Essere consapevoli dei maggiori rischi di sviluppare il cancro dell'intestino nei pazienti con malattia infiammatoria intestinale con colite del colon o colite ulcerosa è importante, e saranno consigliati screening regolari. Se hai anche una storia familiare di cancro intestinale, la sorveglianza potrebbe essere ancora più frequente.

 

Se soffri di IBD o sospetti potresti, dovresti parlare con uno specialista che può consigliarti al meglio su diagnosi e gestione.

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Dr Adam Haycock
Gastroenterologia

*Tradotto con Google Translator. Preghiamo ci scusi per ogni imperfezione

Vedi il profilo

Valutazione generale del paziente


Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..