Calcoli vescicolari o biliari

Cosa sono i calcoli biliari?

I calcoli biliari sono duri grumi o pietre, di solito fatti di colesterolo o talvolta altre sostanze come la bilirubina che si formano nella cistifellea.

La cistifellea è un piccolo organo al di sotto del fegato che rilascia la bile (prodotta dal fegato ma immagazzinata e concentrata nella cistifellea) nell'apparato digerente per aiutare i grassi corporei ad abbattere gli acidi grassi per l'assorbimento.

Quali sono i sintomi?

I calcoli biliari non sempre producono sintomi e non sempre hanno bisogno di cure. In effetti, la stragrande maggioranza delle persone non sperimenterà sintomi poiché i calcoli biliari stessi non causano dolore.

In alcune circostanze, tuttavia, un calcoli biliari potrebbe rimanere intrappolato, causando un intenso dolore noto come colica biliare. Il dolore di solito inizia nella parte superiore destra dell'addome e si irradia alla spalla.

Ulteriori complicazioni possono sorgere per cui la cistifellea si infiamma - i sintomi possono includere ittero (un ingiallimento degli occhi e della pelle), febbre, dolore persistente, nausea e vomito.

Che cosa causa i calcoli biliari?

Si pensa che lo sviluppo dei calcoli biliari sia dovuto a troppa colesterolo o bilirubina nella bile, che porta alla formazione di calcoli. Nella maggior parte dei casi i calcoli biliari sono costituiti da colesterolo, tuttavia se il fegato produce troppa bilirubina (spesso a causa di danni), ciò può comportare anche la formazione di calcoli.

Si pensa anche che lo svuotamento improprio della cistifellea causi calcoli, poiché la bile diventa troppo concentrata.

Come possono essere prevenuti i calcoli biliari?

I fattori di rischio per lo sviluppo di calcoli biliari comprendono il sovrappeso, la mancanza di esercizio fisico, una dieta che contiene troppo colesterolo e grassi, anch'essi a basso contenuto di fibre, e una rapida perdita di peso. È ovvio quindi che mantenere una dieta equilibrata e un peso sano può aiutare a prevenire lo sviluppo di calcoli biliari. Altri fattori di rischio per la malattia includono problemi al fegato e diabete.

Qual è il trattamento?

I calcoli biliari non hanno sempre bisogno di cure e in molti casi l'opzione migliore è monitorarli e trattarli solo se compaiono i sintomi. Se, tuttavia, stanno causando complicazioni, potrebbe essere necessario trattarli immediatamente. Inoltre, i pazienti che presentano condizioni che aumentano il rischio di complicanze, come l'ipertensione portale (elevata pressione sanguigna nel fegato), la cirrosi epatica o il diabete possono richiedere un trattamento più urgente.

Nella maggior parte dei casi, la chirurgia della serratura viene eseguita per rimuovere la cistifellea, in un'operazione nota come colecistectomia. Dopo l'operazione, i pazienti possono condurre una vita normale senza la cistifellea poiché il fegato continuerà a produrre la bile.

Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..