Ipertensione in gravidanza

Che cos'è?

Se la tua pressione sanguigna è in costante aumento dalla fine del secondo trimestre di gravidanza, potresti avere un'ipertensione gestazionale. È essenziale monitorare la pressione sanguigna e anche quella del bambino, poiché questa condizione può causare alcune complicazioni.

Quali sono i sintomi?

I principali sintomi dell'ipertensione gestazionale sono:

  • un'improvvisa diminuzione del flusso urinario
  • dolore addominale
  • gonfiore alle caviglie e al viso
  • mal di testa
  • vomito
  • stanchezza generale
  • in alcuni casi, pre-eclampsia .

Come viene diagnosticato?

Per diagnosticare l'ipertensione gestazionale, il medico monitorerà la lettura della pressione arteriosa: la pressione sistolica non dovrebbe mai superare la gamma da 140/90 a 149 / 99mmHg.

Cosa lo causa?

Non è ancora chiaro quale sia la causa di questa condizione. Tuttavia, è stato dimostrato che le donne di età uguale o superiore a 35 anni che sono state in stato di gravidanza, così come quelle che hanno una storia familiare di ipertensione gestazionale, hanno un rischio più elevato di svilupparla.

Una combinazione di fattori, come un sistema immunitario indebolito, anomalie della placenta e una dieta povera di calcio, zinco e proteine ​​può anche portare allo sviluppo di ipertensione gestazionale.

Come può essere prevenuto?

Dovresti assicurarti di mantenere un peso sano prima della gravidanza. Essere obesi o in sovrappeso è un fattore di rischio, poiché durante i nove mesi di gravidanza il peso aumenterà inevitabilmente. Ciò porterà ad un rischio più elevato di sviluppare la pressione alta.

Un peso sano dipende anche da una dieta sana, evitando di mangiare troppo, assicurandosi di ottenere tutti i nutrienti necessari e di rimanere idratati bevendo due litri di acqua al giorno. È assolutamente necessario evitare di fumare e bere alcolici, poiché aumentano il rischio di contrarre l'ipertensione gestazionale fino a dieci volte.

Infine, nel caso in cui la tua situazione clinica non sia chiara, dovresti monitorare la pressione sanguigna ogni mese, aumentando la frequenza delle letture durante l'ultimo trimestre di gravidanza.

Come viene trattato?

L'ipertensione non è di solito un problema grave durante la gravidanza. Il medico indurrà solo il travaglio alla 40a settimana nei casi più critici.

Il trattamento consiste nel prendere alcuni farmaci; tuttavia, dovresti valutare attentamente eventuali effetti collaterali sul bambino (mortalità neonatale e tossicità dello sviluppo postnatale). Un altro trattamento comune è il riposo a letto, per evitare di aumentare la pressione sanguigna, specialmente nella placenta e nella zona uterina.

Questo sito Web utilizza cookie propri e di terzi per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, per mostrarle pubblicità relative alle sue preferenze, nonché per analizzare le sue abitudini di navigazione..